Sting a Firenze

Sting a Firenze

Estate 2018

Quello di Sting a Firenze è un concerto di quelli che ricorderò a lungo. Uno delle rare volte che, mentre ascolti lo show, ti dimentichi del microfono della cassa, del compressore multi-banda, dei calcoli e della previsione acustica del software perché, semplicemente, sei rapito dalla musica, totalmente immerso ed avvolto da un suono puro, naturale, coinvolgente, semplicemente bilanciato.

Il tocco finale è quello del fonico Howard Page, un pacato signore inglese con qualche primavera alle spalle e tante sicurezze spiegate con semplicità e modestia.

A ben vedere con una band pazzesca come quella sul palco (Vinnie Colaiuta alla batteria, Sting al basso e voce, David Sancious alle tastiere…devo andare avanti?) un sistema audio da primi della classe come Outline GTO (installato da noi) ed un team tecnico di provata esperienza, restituire al pubblico un audio di qualità rappresenta forse il minimo sindacale. Offrire però un mix solido, vibrante e a tratti struggente è altra cosa, considerando poi che la pressione media durante la serata si attestava intorno ai 96dB, per buona pace dei “picchiatori”.

Ma cosa ha reso il mix tecnicamente così sensazionale? In primis la naturalezza, la purezza del suono, complice senza dubbio un sistema audio, il GTO, che fa di queste caratteristiche un punto di forza. In seconda istanza la gestione delle dinamiche, emozionanti, come dovrebbero sempre essere e, a conclusione, un lavoro sul range delle frequenze basse semplicemente perfetto.
Ed ecco che magicamente – dopo diverso tempo – ho potuto riascoltare una grancassa che suonava realmente da grancassa e un basso elettrico sempre perfettamente a fuoco, dal suono caldo, reattivo così che si potevano finalmente distinguere gli appoggi armonici funzionali all’arrangiamento del brano e non quel generico “polpettone” iper-compresso di sottofondo che sembra andare di moda. E non nascondo neppure che a fine concerto io – ma anche qualche collega presente in regia – ho pensato scherzando ma non troppo: “bene, la lezione è finita, adesso tutti a nanna!”.

Fonte: ZioGiorgio

Sting a Firenze Sting a Firenze Sting a Firenze Sting a Firenze

It could also interest you